fbpx

TIPOLOGIE VETRO COME ELEMENTO STRUTTURALE

Il vetro stratificato come elemento strutturale come indicato dalla normativa che lo disciplina (UNI 12543) viene definito un insieme composto da un foglio di vetro e da uno o più fogli di vetro e/o plastica uniti assieme con uno o più intercalari.
Da questa definizione appare chiaro che la funzione dell’intercalare sia proprio quella di tenere unito l’insieme dei materiali che compongono il vetro stratificato.
Infatti la norma fornisce anche una definizione precisando che per intercalare si intende uno o più strati di materiale agente come adesivo e separatore tra lastre di vetro e/o fogli di plastica.
La norma inoltre spiega che l’intercalare può fornire prestazioni aggiuntive al prodotto finito (resistenza agli urti, controllo solare ecc…) e può anche incapsulare pellicole non adesive, lastre, fili, griglie ecc…Negli ultimi anni la ricerca e il continuo sviluppo tecnologico hanno portato alla creazione di una vasta gamma di intercalari con caratteristiche molto diverse, tali da consentire una diversificazione dell’utilizzo in base alle caratteristiche desiderate del prodotto finito.

A titolo puramente esemplificativo possiamo classificare i polimeri attualmente più utilizzati in cinque macrocategorie: